Agnana: realizzazione delle isole ecologiche

186

Il paese di Agnana ha deciso di attuare un espediente abbastanza originale, ovvero una richiesta di un finanziamento per realizzare un isola ecologica. 

Il Ministero dell’ambiente ha stanziato 80.000 euro, con i quali il comune ha potuto acquistare tre isole ecologiche, già posizionate all’interno del paese nei posti dove c’è più affluenza di persone. Nella giornata di domani, 3 dicembre, verranno consegnati gli appositi contenitori elettronici ai quali il cittadino potrà recarsi con una tessera di riconoscimento, da inserire all’interno di essi e gettare l’immondizia. Le tessere verrano consegnate domani, assieme ai contenitori, direttamente al Comune di Agnana. Le tessere sono personalizzate per ogni cittadino, presentano il codice fiscale con il quale si può codificare ogni persona attraverso un programma, già stato acquistato. I cittadini, dopo aver prelevato ognuno la propria tessera, si recheranno ai contenitori e prima di gettare l’immondizia, mostreranno la tessera che verrà riconosciuta da una fotocellula. La fotocellula è fondamentale perché, oltre a codificare le tessere, registra quanto volte i cittadini buttino l’immondizia e quale tipo: organico, multilaterale, vetro, indifferenziato o carta. Il paese di Agnana ha deciso di porre fine alla consegna della spazzatura porta a porta, in quanto era diventata un dispendio di denaro e di risorse umane. Realizzando, così, questa novità allinsegna del risparmio e dellecologia. L’iniziativa è abbastanza allettante, però tra la gente del posto ci sono un pò di insicurezze, ma è ancora tutto da vedere. Il tecnico, che si è speso per la realizzazione e lattuazione di questo progetto, si chiama Nicodemo Agostino.

Francesca Commisso