Aumento orario per i lavoratori ex LSU LPU

58
Foto: strettoweb

Dopo aver sollecitato l’Amministrazione con nota del 07 luglio e dopo il Decreto n. 8398 di riparto Regionale delle somme da parte della Regione Calabria, viene deliberato l’aumento orario per i 29 lavoratori ex LSU LPU convinti che, con un ulteriore sforzo l’Ente possa  aumentare le ore fino al massimo consentito dalla norma, come per altro già deliberato per i lavoratori ex lsu lpu precedentemente stabilizzati alla Città Metropolitana.

Ci aspettiamo altresì, che per l’incontro di giorno 26 luglio l’Ente ci comunichi le definitive soluzioni e quindi l’esigibilità dei diversi Istituti contrattuali economici, per il pagamento della produttività anno 2020 e che al più presto vengano definiti gli adempimenti relativi agli istituti contrattuali per la parte economica dell’anno 2021.

L’ambizioso programma della Governance Politica, della Città Metropolitana e l’operosità del dottor Carmelo Versace sindaco facente funzione, sarà focalizzata a condividere al tavolo istituzionale, il programma Operativo rivolto a tutti i lavoratori per una maggiore valorizzazione per un benessere lavorativo in ambienti soprattutto sicuri.

Situazione ancora ferma per la maggior parte dei tanti Comuni dell’area Metropolitana di Reggio Calabria che hanno stabilizzato questi lavoratori.

La CISL FP di Reggio Calabria ritiene urgente ed improcrastinabile dopo la pubblicazione del Decreto n. 8398 da parte della Regione Calabria, l’aumento orario dei lavoratori ex LSU LPU,  tale adempimento sarà necessario per ridare dignità e ristoro economico ai lavoratori e per non causare ulteriori danni.

Si rammenta che le risorse integrative riconosciute agli Enti che da anni stanno beneficiando del lavoro e della professionalità assicurata da questo bacino di Lavoratori, dovranno essere utilizzate esclusivamente per garantire l’incremento dei livelli retributivi già in essere fino alla concorrenza massima stabilita dalla norma, con l’incremento orario lavorativo già utilizzato e decorrenza 1 gennaio 2022 e non per altre destinazioni.