Economia, pagamenti di fornitori: la Calabria è penultima

33

Scongiurata la classica “maglia nera” con poco più di un quinto delle aziende che onorano gli obblighi di saldo alla scadenza. Tra le province 95ma risulta essere Cosenza, Reggio Calabria è 106ma, penultima nello Stivale.

Non ultima ma penultima. E la cosa non può che soddisfare la Calabria per non essere fanalino di coda, una volta tanto nelle varie classifiche nazionali, nello specifico per quanto concerne i pagamenti alla scadenza di fornitori di beni e servizi: scongiurata, quindi, la classica “maglia nera” stando almeno a ciò che rileva lo Studio Pagamenti Cribis, posto in aggiornamento al 30 giugno 2021. Che segna, nero su bianco, come soltanto il 20,7 per cento delle imprese, e dunque poco più di una su cinque, saldi alla scadenza onorando, pertanto, l’impegno economico assunto.

Nel sopraccitato studio condotto “Rispetto al trimestre precedente, quando erano il 20,9 per cento peggiorano i pagamenti puntuali (-1%), ma diminuiscono quelli effettuati con ritardi superiori ai 30 giorni, passati dal 22,8% al 22,1% (-3,1%); rispetto allo scorso mese di marzo– si rileva con il suddetto report – in tutte le province calabresi, ma soprattutto a Crotone (-5,7 per cento) e a Catanzaro (-4,4 per cento), diminuiscono i pagamenti in grave ritardo, mentre Crotone e Reggio Calabria sono le uniche in regione a far segnare un incremento nei pagamenti alla scadenza, passati rispettivamente dal 21,3 al 21,4 per cento e dal 18,4 al 18,7 per cento”.

Nella classifica delle province, la migliore delle calabresi è Cosenza (95/ma), seguita da Catanzaro che è 98/ma, mentre Vibo Valentia risulta 99/ma, poco oltre Crotone in 104/ma posizione e, infine, c’è Reggio Calabria, 106/ma e penultima in Italia: all’uopo si desume che, sempre rispetto a marzo 2021, Cosenza, Vibo Valentia e Crotone guadagnano una posizione, mentre rimangono stabili Catanzaro e Reggio Calabria.