Galatro: finanziamento per la realizzazione di un progetto di riqualificazione

42
Foto: medinbus

Il Ministero per il Sud e la Coesione economica, nell’ambito del Contratto Istituzionale di Sviluppo – CIS Calabria, ha concesso al Comune di Galatro un finanziamento dell’importo di € 1.497.671 per la realizzazione del progetto denominato “Intervento Integrato di Riqualificazione e Valorizzazione del Borgo Galatro”.

Questo importante risultato rappresenta l’esito di una duplice selezione: la prima, condotta dagli uffici dell’Agenzia per la Coesione territoriale insieme a quelli della Regione Calabria, che ha individuato i progetti idonei; la seconda, curata dal Ministero per il Sud e la Coesione Economica, che ha effettuato una valutazione di strategicità (sostenibilità ambientale, creazione di partnership, impatto sociale e occupazionale, integrazione con altri investimenti pubblici e stimolo all’iniziativa privata), complementarietà (integrazione con la programmazione regionale e con altre progettualità sul territorio) e cantierabilità (rapidità di ‘messa a terra’).

Nell’ambito di tale valutazione, al progetto predisposto dal Responsabile dei Servizi Tecnici del Comune di Galatro,  Michele Politanò, è stata assegnata alta priorità, in considerazione del fatto che il suo obiettivo precipuo è quello di “ottenere, esaltando la vocazione prettamente turistica del territorio di Galatro, una positiva ricaduta in termini occupazionali sulla popolazione, attraverso la rivitalizzazione del tessuto economico e la mitigazione dello spopolamento, diretta conseguenza della mancanza di opportunità lavorative. Le emergenze storiche, architettoniche, naturalistiche e culturali, opportunamente identificate e poste in relazione in modo sistemico, possono fare di Galatro un polo di attrazione turistica da inserire, a buon diritto, in circuiti nazionali ed internazionali. La rivitalizzazione e riqualificazione urbanistica del quartiere Montebello, inteso come borgo, porzione dell’abitato contestualizzata ed identificata dalla comune morfotipologia del costruito, attraverso una serie di interventi designati a migliorare la situazione al contorno, come l’interramento dei cavi dell’energia elettrica, l’arredo urbano e il miglioramento della viabilità interna, ed attivare l’iniziativa imprenditoriale del soggetto privato, incentivando il proprietario di un immobile in detta area alla ristrutturazione e creando un mercato immobiliare -ospitalità diffusa-, di fatto direttamente correlato al circuito turistico che ci si propone di attivare”.

Altra caratteristica distintiva del progetto è l’importanza attribuita “al riuso o al ripristino di immobili di proprietà comunale al momento inutilizzati e al conseguente affidamento degli stessi, in termini gestionali, a realtà associative presenti sul territorio comunale ai fini dell’uso valorizzante”. Sempre alle locali associazioni sarà affidato il compito di implementare l’offerta turistica consentendo la scoperta degli scorci ambientali e paesaggistici più suggestivi. Sarà quindi attivato un sistema di guide e tour operator che promuoverà la realizzazione di diversi percorsi tematici in grado di offrire al visitatore una completa immersione nel verde a contatto con la natura, intercettando luoghi di estremo interesse storico-architettonico, come il convento di Sant’Elia, curativo e di benessere, come l’edificio della vecchia stazione termale, o naturalistico, come la risalita delle gole del fiume Fermano.

Nel dettaglio, con i fondi del CIS Calabria saranno realizzati i seguenti interventi:

1) Recupero, Riqualificazione ed Arredo Spazi Pubblici e Viabilità;

2) Recupero facciate Chiesa Maria SS della Montagna e Oratorio;

3) Ristrutturazione ex ostello della Gioventù finalizzato a B&B e/o affittacamere;

4) Realizzazione progetto di marketing territoriale integrato;

5) Realizzazione documentario “Le Acque Fatate di Galatro”.

Per l’Amministrazione Comunale

Sandro Sorbara – Sindaco