Il tempo dei ricordi

99

Ripercorriamo, insieme, gli avvenimenti e i personaggi più importanti che hanno segnato la data del 12 gennaio.

Accadde che:

1709 (313 anni fa): avviene una piccola era glaciale in Francia: a Parigi, infatti, si registrarono temperature glaciali, fino a -23°C in centro e -26°C nei sobborghi della capitale francese. Almeno per 10 giorni non si superarono massime di -10°C, ma londata di freddo durò molto più a lungo, allincirca fino alla metà di Marzo. Nel solo stato francese la conta dei danni fu enorme. La costa atlantica e la Senna si congelarono. Le piante non poterono sopportare temperature così rigide, quindi molte coltivazioni andarono perdute. Tutti i contadini, allepoca, vivevano solo di quello che potevano raccogliere dalla terra, perciò era chiaro che molti non avrebbero superato linverno, indeboliti dalla fame e infine stroncati dal gelo. Quando le temperature tornarono alla normalità si contarono almeno 24.000 morti nella sola Parigi.In verità neanche lItalia  fu risparmiata da questa poderosa ondata di gelo siberiano. Si racconta che a Roma, in soli 18 giorni, nevicò almeno 13 volte e che la neve superò il metro e mezzo in tutta la Pianura Padana.

1969 (53 anni fa): i Lez Zeppelin pubblicano il loro primo album, intitolato Led Zeppelin. Sono un gruppo musicale rock inglese degli anni settanta, considerati tra gli innovatori del rock e tra i più importanti pionieri dell’hard rock. Si sono formati nel 1968 e sciolti nel 1980, anno anno in cui è morto il batterista. I Led Zeppelin erano: Jimmy Page (chitarra), Robert Plant (voce e armonica), John Paul Jones (basso e tastiere) e John Bonham (batteria). Hanno pubblicato 9 album, tra il 1969 e il 1982. Una delle caratteristiche più innovative dell’album era il suono che Jimmy Page è riuscito a dare alle registrazioni. L’album è rimasto in cima alle classifiche americane per anni, spesso annoverato tra le pietre miliari della storia del rock. La rivista statunitense Rolling Stone lo ha inserito alla 29ª posizione nella sua lista dei 500 migliori album.

Nato oggi:

1628 (394 anni fa): nasce a Parigi Charles Perrault scrittore. È  a lui che dobbiamo, ben 200 anni prima dei fratelli Grimm, la prima e più importante raccolta di fiabe in poesia e prosa tratte dalla tradizione orale europea. Le più famose sono La belle au bois dormant (La bella addormentata nel bosco), Le petit chaperon rouge (Capuccetto rosso), Le chat botté (il gatto con gli stivali), Cendrillon (Cenerentola), Le petit poucet (Pollicino), Peau d’asne (Pelle d’asino), Riquet à la houppe (Enrichetto dal ciuffo). All’età di 67 anni scrisse la raccolta “Storie e racconti dei tempi passati, con la morale” (Histoires ou contes du temps passé, avec des moralitez), più note col titolo di “Racconti di Mamma Oca” (Contes de ma mère l’Oye). Si tratta di una serie di racconti morali progettati per indurre il lettore a riflettere sui dilemmi presentati ai protagonisti delle fiabe. Sebbene molte storie di Perrault siano trascrizioni di storie tradizionali della cultura popolare, lo scrittore francese non si riproponeva solo di riportare” queste storie, bensì arricchiva il canovaccio tradizionale con proprie intuizioni creative. Così ritroviamo nelle sue fiabe luoghi della Francia della sua epoca, come lo Chateau Ussé che appare ne La bella addormentata e Il gatto con gli stivali, o riferimenti alla moda francese del XVII secolo. Muore, a Parigi, il 16 maggio 1703.