Il tempo dei ricordi

50
Foto: il Giornale

Ripercorriamo, insieme, gli avvenimenti e i personaggi più importanti che hanno segnato la data del 20 Aprile.

Accadde che:

1964 (58 anni fa): viene commercializzato il 1° vasetto di Nutella, da un’ idea di Pietro Ferrero, pasticciere di Alba e di Michele suo figlio. Il prodotto è una crema gianduia contenente zucchero, olio di palma, cacao, nocciole, latte, lecitina di soia e vanillina, precedentemente denominata Pasta Giandujot e poi SuperCrema. Il nome deriva dal sostantivo nut, che significa «nocciola» in inglese, e il suffisso italiano –ella, per ottenere un nome orecchiabile. La storia di questo successo planetario inizia in una pasticceria di via Rattazzi ad Alba, nel mezzo della Seconda guerra mondiale. Qui l’imprenditore Pietro Ferrero allestisce un laboratorio dolciario, dove sperimenta ricette innovative per l’epoca, facendo spesso di necessità virtù. Nello specifico, la pesante tassazione sull’importazione dei semi di cacao lo costringe a cercare un ingrediente da associare al cacao, facilmente reperibile e dal costo contenuto. Di qui l’intuizione di utilizzare le nocciole, prodotto tipico delle Langhe, dalle quali riesce a ricavare una crema che commercializza con il nome di Giandujot, in omaggio alla nota maschera del carnevale piemontese. Venduta in blocchi da taglio, avvolti in carta stagnola, la speciale pasta incontra il favore della clientela, che per il suo valore energetico la reputano una colazione efficace per affrontare la giornata lavorativa. L’eredità di Pietro viene raccolta dal figlio Michele che nel 1951 trasforma la ricetta del padre nella Supercrema, venduta in grandi barattoli. Dodici anni più tardi ne rivede la formula scoprendo quel gusto inconfondibile che resterà da qui immutato per sempre. Nel 1965, la Nutella conquista il mercato tedesco e prima della fine degli anni Sessanta attraversa l’oceano per approdare negli Stati Uniti d’America.

2008 (14 anni fa): Papa Benedetto XVI visita Ground Zero, a New York, luogo originario delle Twin Towers, distrutte l’ 11 settembre 2001. Il Papa era accompagnato dal cardinal Edward Egan e ad accoglierlo ha trovato il sindaco di New York Michael Bloomberg e i governatori di New York David A. Paterson e del New Jersey John Corzine, 24 persone in rappresentanza dei feriti e dei parenti delle vittime dell’attentato dell’11 settembre 2001 con alcuni dei soccorritori: Vigili del Fuoco, Polizia, Protezione Civile. Prima ancora di salutarli, Benedetto XVI è andato a inginocchiarsi davanti al piccolo specchio d’acqua dove era stato posto un inginocchiatoio. Commosso, Papa Ratzinger si è alzato e ha acceso un cero e poi dopo che gli hanno portato il microfono ha pronunciato la preghiera da lui stesso composta: “O Dio dell’amore, della compassione e della riconciliazione rivolgi il Tuo sguardo su di noi, popolo di molte fedi e tradizioni diverse, che siamo riuniti oggi in questo luogo, scenario di incredibile violenza e dolore. Ti chiediamo nella Tua bontà di concedere luce e pace eterna a tutti coloro che sono morti in questo luogo, i primi eroici soccorritori, i nostri vigili del fuoco, agenti di polizia, addetti ai servizi di emergenza e personale della Capitaneria di Porto, insieme a tutti gli uomini e le donne innocenti, vittime di questa tragedia solo perchè il loro lavoro e il loro servizio li ha portati qui l’11 settembre 2001. Ti chiediamo, nella Tua compassione di portare la guarigione a coloro i quali, a causa della loro presenza qui in quel giorno, soffrono per le lesioni e la malattia. E per la perdita delle persone care. Concedi loro la forza di continuare a vivere con coraggio e speranza. Ricordiamo anche coloro che hanno trovato la morte, i feriti e quanti hanno perso i loro cari in quello stesso giorno al Pentagono e a Shanksville, in Pennsylvania. I nostri cuori si uniscono ai loro, mentre la nostra preghiera abbraccia il loro dolore e la loro sofferenza. Dio della pace, porta la Tua pace nel nostro mondo violento: pace nei cuori di tutti gli uomini e le donne e pace tra le Nazioni della terra”.

Nato oggi:

1889 (133 anni fa): nasce a Braunau am Inn (Austria), Adolf Hitler politico e Fuhrer della Germania dal 1934 al 1945. Figlio di un impiegato della dogana austriaca, da giovane aspira a diventare architetto, ma dopo non essere riuscito ad entrare nell’Accademia di Belle Arti di Vienna si trasferisce a Monaco, dove lavora come decoratore e come operario. Ѐ in questo periodo che inizia a sviluppare il suo pensiero antisemita, antimarxista e razzista. Finita la  Grande Guerra, Hitler ritiene che la sconfitta della Germania sia stata causata dal tradimento dei socialisti e degli ebrei. il 30 gennaio 1933 diventa Cancelliere del Reich e nel 1934 elimina ogni forma di opposizione diventando Führer del Reich e instaurando la dittatura. In pochi anni Hitler pone le basi per lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale e dà l’avvio alla persecuzione degli ebrei che avrà il suo apice nella tragedia della  Shoah e dei campi di concentramento, dove hanno perso la vita circa 6 milioni di ebrei e migliaia di Rom, Sinti, oppositori politici, omosessuali e portatori di handicap. Con l’invasione della Polonia da parte della Germania, avvenuta il 1 settembre 1939, ha inizio la Seconda Guerra Mondiale. Dopo alcune vittorie tedesche la situazione si rovescia, la Germania accumula diverse sconfitte e Hitler subisce due attentati. Quando la guerra sta per finire Hitler si ritira a Berlino, dove si suicida il 30 aprile 1945, chiuso nel bunker del Palazzo della Cancelleria, insieme all’amante Eva Braun.