Nautilus: il futuro è in buone mani

86

Giorno, 28 febbraio 2022, all’interno di Palazzo Nieddu, a Locri, è avvenuta la premiazione dei ragazzi vincitori del concorso Nautilus, in riferimento al film del regista Bruno Panuzzo.

La struttura culturale locrese, Palazzo Nieddu, ha ospitato la premiazione dei 9 ragazzi vincitori del concorso Nautilus. L’ideatore, nonché regista dell’omonimo film (da cui viene tratto il nome del concorso), Bruno Panuzzo, ha cercato di onorare al meglio l’impegno dei giovani, i quali hanno impiegato il loro tempo a realizzare un elaborato scritto, condito da commenti e ricche riflessioni. Egli stesso ha dovuto scegliere tra ben 39 elaborati, tutti lodevoli e tutti provenienti dalla scuola Licei Mazzini di Locri. La nascita di questo progetto cinematografico ebbe inizio proprio in questo luogo e ad abbozzare la trama sono stati gli stessi studenti nel 2019. Il Mazzini ha sempre creduto nell’opera dell’artista e regista Bruno Panuzzo, il tutto certificato dai numerosi ragazzi che hanno partecipato ai suoi film o videoclip. Durante la premiazione, infatti, annoveriamo la presenza delle vicepresidi della scuola: Girolama Polifroni e Simona Romeo. Le quali oltre a dare lustro alla scuola, hanno consegnato direttamente dei simbolici riconoscimenti in denaro a due dei ragazzi vincitori. A premiare gli altri 7 ragazzi sono stati i giornalisti di “Metis” (una redazione giornalistica che cerca sempre di mostrare la Locride nel suo immenso splendore, lasciando da parte gli atti di cronaca per cui siamo maliziosamente sempre additati) e dalla giovane interprete linguistica Maria Antonietta Reale. Il tutto si è svolto in maniera distesa, con un clima amichevole e di speranza. È stato quasi un passaggio del testimone, condito da bellissime parole di stima e di incoraggiamento. Il progetto Nautilus, perciò, si può ritenere concluso ma lascerà per sempre un segno sul territorio e sui nostri giovani.

Umberto Galea