Notte D’Estate, a Siderno Superiore si parla di Universi e si osservano le Stelle

57

“Il mio obiettivo è semplice. È la completa comprensione dell’universo, perché è fatto così com’è e perché in effetti esiste”. Se pensiamo all’universo probabilmente la prima persona che ci viene in mente è Stephen Hawking, il celebre cosmologo, fisico, matematico, ed astrofisico britannico. Hawking deve la sua fama tra il grande pubblico alla sua incessante attività come divulgatore, il suo testo Dal Big Bang ai buchi neri. Breve storia del tempo è un best seller mondiale. La sua storia l’avrete conosciuta con il film La teoria del tutto.

Perché parliamo di lui? Perché domani sera avremo un incontro ravvicinato con l’universo, anzi con gli universi. Il 29 Luglio a Siderno Superiore Riviera con il Comitato Pro Piazza Cavone e con la preziosa collaborazione del Planetarium Pythagoras di Reggio Calabria ha organizzato una conferenza con il professore Roberto Buonanno, presidente Società Astronomica Italiana (SAIt).

Il professore Buonanno è anche presidente della  e docente di Astronomia e Astrofisica all’Università di Tor Vergata e Direttore dell’Osservatorio Astronomico di Teramo-Collurania dell’Istituto Nazionale di Astrofisica. Si occupa dello studio degli Ammassi Globulari, si tratta dei sistemi stellari più antichi della Via Lattea, la nostra Galassia. Buonanno ha pubblicato oltre 150 documenti scientifici e due volumi: La fine dei cieli di cristallo – L’astronomia al bivio del ’600 (Springer-Verlag Italia, Milano, 2011) e Il cielo sopra Roma – I luoghi dell’astronomia (Springer-Verlag Italia, Milano 2007).

L’Astrofisica sta cercando delle risposte per spiegarci il funzionamento e l’origine dell’Universo e cerca di trovare delle spiegazioni ai fenomeni che osserviamo attraverso le leggi conosciute della fisica. Ma la Natura ama sorprenderci e molte leggi potrebbero nascondersi in domini finora inesplorati. L’Universo è una nuova e affascinante frontiera delle esplorazioni umane.

Lo guardiamo, lo osserviamo e cerchiamo di capirne i segreti. Studiamo e applichiamo leggi matematiche, fisiche e chimiche e costruiamo dei modelli che possano interpretare ciò che permette alla Terra e alle Galassie di esistere.

Le indagini sull’Universo ci costringono a riconsiderare la nostra importanza, noi infatti sicuramente viviamo al centro di Tutto ma è così per ogni cosa nel nostro Universo. Se consideriamo, però, che lo studio dell’Universo richiede, come minimo, l’esistenza di un osservatore, gli scienziati restano sorpresi dall’enorme quantità di eventi favorevoli che si sono dovuti verificare affinché l’osservatore stesso esista. Coincidenze?

La domanda centrale resta secondo gli studiosi: Che tipo di legge della fisica sarà mai quella che si è verificata soltanto una volta nella storia cosmologica? Forse ci troviamo a vivere in uno degli infiniti Universi del Multiverso creato da Dio, secondo il fisico Hawking calcola sono circa 10 elevato alla 500ma potenza.

Il problema vero, per Buonanno, è che questi multi universi sarebbero tra loro incomunicabili. Approfondiremo questo discorso domani con il professore. Vi aspettiamo numerosi alle 19.30. Al termine della discussione ci sarà un’osservazione astronomica.

Ringraziamo il presidente dell’Associazione Pro Piazza Cavone, Aldo Caccamo, e la direttrice del Planetarium Pythagoras di Reggio Calabria, Angela Misiano Martino, per la collaborazione e il Comune di Siderno per il patrocinio dell’iniziativa.