Reggio Calabria: 28 piani urbani in programma

118

Nella provincia di Reggio Calabria è stata approvata la richiesta del consigliere delegato Domenico Mantegna in merito al Piano nazionale di ripresa e resilienza. Previsti ben 28 interventi in 97 comuni. 

Piani urbani integrati: finanziati tutti i progetti della Città Metropolitana di Reggio Calabria, in arrivo un tesoretto da 118 milioni di euro. En plein di Palazzo Alvaro che ottiene il finanziamento di tutti e 28 gli interventi presentati che coinvolgeranno tutti i 97 Comuni del comprensorio metropolitano. Cinque dei progetti sono stati elaborati direttamente dagli uffici di Palazzo Alvaro, per complessivi 22 milioni di euro, e comprendono interventi che riguardano il territorio di tutti i 97 comuni del territorio metropolitano. Altri progetti presentati, sempre attraverso la Città Metropolitana, elaborati in collaborazione con il Comune di Reggio Calabria, per complessivi 20 milioni, ed i Comuni di Locri, Villa San Giovanni, Roccella Jonica, Gioia Tauro, Bovalino, Palmi, Unione dei Comuni Valle del Torbido, Bova Marina, Seminara, Feroleto della Chiesa, Cittanova, Cinquefrondi Roghudi, Scido, Riace, Polistena, Cardeto, Montebello Jonico, Samo, San Ferdinando, Staiti e Taurianova. Nel complesso il piano approvato prevede interventi per 118.496.100 euro. “Un risultato davvero eccezionale” lo ha definito il consigliere delegato al Piano nazionale ripresa e resilienza Domenico Mantegna, protagonista in questi ultimi mesi, insieme al sindaco facente funzioni Carmelo Versace di un lavoro di concertazione con tutti i Comuni del comprensorio metropolitano per arrivare alla definizione del pacchetto di progetti, riuniti nell’unico masterplan sulla rigenerazione urbana in chiave green, presentato nell’ambito del bando Pnrr. “Siamo molto soddisfatti del risultato raggiunto – ha spiegato Mantegna – e crediamo sia da considerare come un nuovo importante punto di partenza affinché si proceda in maniera spedita sulla progettazione complessiva degli interventi e poi immediatamente con la cantierizzazione. Un programma che ci consentirà di realizzare pienamente, sul nostro territorio, quel concetto di transizione ecologica immaginata a suo tempo dal sindaco Giuseppe Falcomatà e che inizia a prender forma attraverso la progettazione condivisa sul territorio con i sindaci, e brillantemente espressa dall’elaborazione tecnica degli uffici coordinati dai Dirigenti del nostro Ente, che ringrazio per l’impegno e le capacità che stanno dimostrando, e dai Consiglieri delegati. Il finanziamento di tutti i progetti presentati è un segnale davvero qualificante dell’ottimo lavoro che è stato condotto e che ha coinvolto tutti i Comuni del nostro territorio ma anche realtà sociali importanti come quelle che operano nel campo del Terzo Settore”.