Reggio Calabria: Boom di visite al MArRC

41

 A Reggio Calabria, in occasione del giorno della festa dei lavoratori, il Museo Nazionale del direttore Carmelo Malacrino ha registrato un numero di visitatore quasi mai raggiunto. Egli stesso si ritiene entusiasta e molto fiducioso in vista della stagione estiva 

 Tornano i grandi numeri al Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria. Oggi, infatti, in occasione dell’iniziativa del Ministero della Cultura #domenicalmuseo e complice la giornata festiva del 1° maggio, sono stati oltre 1800 i visitatori che hanno scelto il MArRC. «Un grande risultato, che fa ben sperare per l’imminente stagione estiva, tutta dedicata alla valorizzazione del territorio in occasione del Cinquantesimo anniversario dei Bronzi di Riace. Moltissimi i bambini venuti con le famiglie, un segnale di speranza per il futuro del nostro patrimonio culturale. Voglio ringraziare ancora una volta il personale del MArRC per la cortesia nell’accogliere i visitatori e per l’impegno nel garantire la sicurezza, nonostante la carenza di personale registrata da diverso tempo», così commenta il Direttore Carmelo Malacrino. Anche in questa occasione Malacrino è stato presente all’ingresso del Museo. Complice anche l’allentamento delle restrizioni per i rischi da Covid-19, il Museo vuole riprendere la sua ricca programmazione culturale, per continuare a offrire quegli eventi che hanno contribuito, a sei anni dall’apertura della collezione permanente, a fare del MArRC il principale attrattore culturale della nostra regione.