Siderno 2030: “Chi vuole un clima inquieto”?

355

Riceviamo e Pubblichiamo una nota, del gruppo politico Siderno 2030, circa gli ultimi avvenimenti accaduti nella nostra città, in particolare i tre roghi di questa notte.

E giù con le supposizioni, le congetture, i confronti con episodi analoghi accaduti in altri tempi. E soprattutto l’individuazione della matrice (senza dubbi!) le conclusioni e i giudizi mentre gli inquirenti ancora “brancolano nel buio”, come si usava dire una volta.

La notte di fuoco (come titola Riviera) e un proiettile ritrovato sul davanzale di una finestra del palazzo comunale, scuotono ancora la nostra città a coronamento di un crescendo di atti incendiari e intimidatori di non facile lettura. E, peggio ancora degli stessi atti criminali, potrebbe subentrare una sorta di giudizio unilaterale e senza alcun fondamento che porta ad una sottile, ma percettibile sensazione di separazione, di ostilità tra parti avverse. Noi ribadiamo il nostro incondizionato impegno alla salvaguardia della vita sociale e politica della nostra città. Siamo in prima linea nella lotta alla criminalità e nel ripristino di una esistenza serena per tutti i nostri cittadini. Lo abbiamo affermato in campagna elettorale e lo ripetiamo oggi, mentre aleggia tutto intorno una soffocante e grigia cappa, siamo per la solidarietà e la partecipazione al solo scopo del benessere comune.

Auspichiamo che le autorità inquirenti facciano luce, al più presto, su ciò che di inquietante sta accadendo.

Siderno 2030