Spighe de Grano

136

Sonetto dedicato al partigiano Lello, morto tra le braccia di un compagno.

O compri l’oro o venni fronne morte

quannonche viè la Secca che te resta?

quarzia conto c’hai fatto co la sorte

sei nudo come ‘n verme senza cresta.

La vita è ‘na battaja, ‘na tempesta,

m’arriva l’ora de rioprì le porte

a fiori e canti pe allestì la festa

e canzonà la boja de la morte.

Si la canzona tua vola lontano

hai vinto la barbarie e nun sei morto:

quarcuno sfragnerà spighe de grano… !

Ma si la voce tua fu solo un tasto,

vissuto pe affogà drento in un torto,

sei stato un gnente: e gnente sei rimasto!

Giorgio Bruzzese