Ultimi giorni di campagna elettorale per 8 comuni nella Locride

225

Si voterà il 12 giugno in otto comuni della Locride: Antonimina, Bovalino, Caraffa del Bianco, Caulonia Ciminà, Grotteria, Placanica e Staiti. In verità, i comuni al voto erano 9, ma giovedì è arrivato il decreto di scioglimento del comune di Portigliola. Quindi, può continuare la lunga campagna elettorale che ci porterà i nuovi sindaci.

Da questa domenica mancheranno solo 14 giorni alla data delle elezioni di molti comuni Italiani. Il Consiglio dei Ministri ha fissato le date per le elezioni amministrative e i referendum, per il 12 giugno per il primo turno e per il voto referendario, con turno di ballottaggio previsto per il 26 giugno. Quindi, può iniziare il periodo più difficile della campagna elettorale che ci porterà i nuovi sindaci nei comuni di: Antonimina, Bovalino, Caraffa del Bianco, Caulonia Ciminà, Grotteria, Placanica e Staiti. Tra gli otto comuni, dove si vota, ci sono alcuni che andranno con la riconferma degli attuali sindaci, ed altri dove sono previsti veri e propri terremoti. Partiamo in ordine alfabetico per evitare confusioni. Mentre Portigliola non andrà al voto, visto il decreto di scioglimento di cui parliamo a pagina 6 e 7.

Ad Antonimina, saltata la riconferma di Luciano Pelle, nel paese delle Terme si sono candidati due persone vicine all’ex giunta. I candidati sono, Giuseppe Murdaca, sostenuto da associazioni giovanili, e molti pensano che potrebbe far saltare il banco e vincere le elezioni. Mentre, la seconda lista guidata da Massimo Varacalli dicono sia sostenuta anche da due ex sindaci, come Luciano Pelle e Antonio Condelli.

A Bovalino, si ricomincia da ieri, perché oltre la certa ricandidatura del sindaco uscente Vincenzo Maesano, e di quasi tutto il suo gruppo, ci sono candidati a sindaco di due diverse liste civiche: La prima guidata dall’imprenditore Massimo Rimini e la seconda dalla commercialista Daniela Pisciuneri. Nel paese di Mario La Cava la competizione è molto sentita e sono molti i volti noti presenti nelle liste, i più noti sono: Bruno Squillace, Sebastiano Primerano, Alessandra Polimeni e  Francesca Tommasello.

A Caraffa del Bianco, il sindaco Stefano Umberto Marrapodi, si ricandida a primo cittadino di Caraffa del Bianco, per la terza volta, l’ultima secondo la legge Renzi. Conto la sua lista una giovane professionista del luogo, Rosalba Romeo. Appoggiata da alcune persone legate all’ex sindaco Di Giorgio.

A Caulonia, sembrava certa la ripetizione del duello di cinque anni fa, tra Francesco Cagliuso esponente storico della sinistra cauloniese e commercialista e la Von der Belcastro, Caterina, avvocato che ha amministrato negli ultimi cinque anni. Ma non tutte le ciambelle escono col buco. Così dopo una serie di riunioni e di abbandoni la coppia Belcastro & Campisi si è trovata fuori dalla lista di giovani, guidata dall’ex consigliera Luana Franco, che si opporrà alla lista di Franco Cagliuso, che i bene informati dicono sia sostenuta pure dal consigliere regionale di Coraggio Italia, Salvatore Cirillo.

A Ciminà, la capitale del caciocavallo, in questa tornata, non avrà la sindaca uscente Giusy Caruso, che ha guida il gruppo storico che era legato anche al sindaco Polifroni. Così i due candidati a sindaco: Bruno Salinitri e Giovanni Mangiameli escono tutti e due dalla vecchia giunta e dovrebbero arrivare al traguardo per pochi voti, in vantaggio sembra la lista dove c’è candidato a consigliere lo storico vice sindaco Nicola Polifroni.

A Grotteria, la situazione sembra molto combattuta, confermata l’ennesima candidatura di Vincenzo Loiero, con il suo storico gruppo. Nell’opposizione ha trovato conferma la convergenza sul nome di Giuseppe Racco che alla fine ha messo d’accordo tutti, infatti la lista sarà sostenuta da l’ex sindaco Leoncini, l’oppositore storico Raffaele Lupis e il camerata Mimì Lupis.

A Placanica, confermata la candidatura di tutta la vecchia maggioranza guidata da Antonio Condemi che alla fine ha mantenuto la parola e si è ricandidato. Mentre, tutti quelli che erano contro l’attuale sindaco, non sono riusciti a trovare la forza di mettersi insieme e confrontarsi elettoralmente.

A Staiti, anche in queste elezioni amministrative a Staiti, i candidati a sindaco saranno due, da una parte la lista guidata dal sindaco uscente Giovanna Pellicano che è stata ricandidata dallo stesso gruppo politico. Mentre, la sfida sarà con chi rappresenta un po’ la vecchia logica del paese, Domenico Ritorto.