Uno spazio in cui riflettere insieme

276

La nuova Riviera nelle parole di chi l’ha conosciuta all’inizio e adesso ci ritorna, per portare nell’informazione Locridea una nuova aria di freschezza, con un luogo che sia di confronto franco e profondo sulle tematiche più scottanti e meno note.Uno spazio in cui riflettere insieme, per protestare ma anche per gioire della nostra Riviera, per superare i nostri limiti e per cercare di portare uno spirito costruttivo nella Locride. Siamo ambiziosi in questi nostri propositi, però siamo convinti che sia necessario esserlo per poter uscire dall’impasse in cui si trova il nostro territorio. Anni di compromessi ci hanno portato a perdere i migliori, ci hanno fatto convincere che i diritti siano favori e che ci si deve adattare per avere dei risultati. Se c’è un momento giusto per dire “anche no”, per volere di più e per scommettere su quanti credono – come noi – nel territorio, nelle sue competenze, nei suoi maestri e nelle giovani promesse è questo. Siamo stanchi di dover cercare in altri luoghi la nostra realizzazione, siamo sempre felici della realizzazione di risultati eccellenti dei nostri conterranei, ma vogliamo che possano realizzarsi anche qui se vogliono. Il rientro di tanti giovani, causa pandemia, è un’opportunità per costruire. Non facciamoli scappare di nuovo non appena si potrà. Glielo dobbiamo e lo dobbiamo a noi stessi. Noi proviamo a dargli uno spazio per informarsi, costruire un dialogo, esprimersi e conoscere meglio il territorio. Forse dobbiamo fare un mea culpa, c’eravamo un attimo distratti. La pandemia ci ha ridestato. Ci siamo rimessi in discussione, ci siamo svegliati e
abbiamo raccolto menti fresche che possano aiutarci a riprendere il racconto del territorio con occhio vigile. Anche voi ci dovete mettere del vostro: impegno, indignazione, racconto, critiche ed elogi. Aspettiamo in redazione chiunque sia d’accordo o in disaccordo con noi, potete scrivere, chiamare, taggare le nostre pagine. Non aspettatevi sconti su mancanze e disattenzioni, è ora di pretendere i diritti.