Bruncello sognava una Calabria indipendente

1326

Una brutta notizia, mi ha colto poco fa mentre stavo lavorando, ad Africo hanno rinviato una importante manifestazione per presentare il nuovo sindaco, qualcuno mi chiama e mi dice: “sai è morto un parente”. “Chiedo chi”? Mi viene risposto Bruno Bruzzaniti. Ma Bruncell,  insisto. Si, mi viene risposto.

Mannaia. Mi viene da dire subito, quanti ricordi, che personaggio Bruno. Non posso fare a meno di prendere il computer e scrivere tutto quello che sento. Con Bruno c’è stata un’amicizia vera e sincera, ho conosciuto Bruno perché voleva realizzare il suo sogno, il Primo Festival di Musica indipendente in Italia, da realizzare nella spiaggia tra Bianco e Africo, con le maggiori produzioni di musica indipendente. Ricordo che la Regione Calabria aveva iniziato a vedere in questa idea un possibile finanziamento, perché piaceva molto, sia al presidente, allora era Scopelliti, sia alla maggioranza. Era un sogno, il suo sogno, che però molti anni dopo i migliori cantanti stanno realizzando, tipo il Jova Beach di Jovanotti. Certo il festival non si è poi realizzato, troppo difficile farlo in Calabria. Ma Bruno avrebbe potuto farlo, lui aveva già vissuto alcune vite quando l’ho conosciuto, era più grande di me, ricordo di averlo incontrato dapprima negli scritti di Gioacchino Criaco, e poi l’ho riconosciuto in una cena ad Africo. Una leggenda racconta che convinse Jaco Pastorius, uno tra i più grandi bassista di tutti i tempi, morto nel 1987, a fare un concerto ad Africo vecchio.  Il suo mondo era il mondo, non poteva rimanere chiuso in Calabria, viveva a Roma, dove ci siamo incontrati per la seconda volta. La moglie, ricordo era svedese, aveva un negozietto di arte e oggetti artistici nel centro, vicino al Senato. La sua mente viaggiava molto più veloce del tempo. Era un sognatore, viveva bene, aveva lavorato nella musica negli anni in cui la musica era esplosa nel mondo, conosceva tantissima gente, ed era di una simpatia travolgente. Certo, ora che ho ricordato alcuni momenti passati insieme, riesco a realizzare che non è più tra noi, ma quando sentirò della musica, quella buona, sicuramente Bruncello sarà accanto a me.