Buona la prima per il Distretto turistico della Locride

69

Una bella giornata per la Locride quella organizzata dal GAL Terre Locridee e dal comune di Portigliola, capofila, presso il Teatro Greco Romano nel Parco archeologico di Locri a Portigliola dove si è svolta la presentazione della proposta di costituzione di un Distretto turistico per lo sviluppo della Locride. Per raccontare la giornata vogliamo partire dalla fine, cioè dall’intervento conclusivo dell’assessore regionale all’agricoltura Gianluca Gallo. Il quale ha voluto ricordare che la compianta Jole Santelli amava alla follia la Locride, un territorio per troppi anni dimenticato anche dalla politica, a cui l’ex governatore aveva sentito l’esigenza di dare un’opportunità. Gallo ha sottolineato come sia necessario tornare padroni delle bellezze del territorio, orientando le risorse in modo da ottenere modelli di sviluppo diversi, evitando che i figli di questa terra continuino a partire. Agricoltura e turismo sono il futuro di questa regione e la Locride con questa iniziativa ha dimostrato come tutti insieme abbiamo la possibilità di fare e di cambiare. L’incontro si è aperto con i saluti del sindaco di Portigliola, Rocco Luglio, che ha sottolineato come questo progetto sia un’occasione importante, ma che la Locride deve avere la maturità di camminare insieme verso un obbiettivo unitario e che deve coinvolgere tutto il territorio. Sono intervenuti Giuseppe Campisi, presidente del comitato dell’associazione dei comuni della Locride, Maurizio Baggetta, presidente della Jonica Holiday, Ettore Lacopo, presidente dell’ordine dei commercialisti, Domenico Mantegna, consigliere delegato della città metropolitana di Reggio Calabria, Pietro Marrapodi, responsabile della Lega a Milano, e Domenico Vecchio, presidente di Confindustria Reggio Calabria. Di seguito sono intervenuti Giuseppe Zimballatti. neodirettore generale dell’ateneo di Reggio Calabria che ha sottolineato la disponibilità dell’Università al progetto della Locride, sperando di poter essere all’altezza delle aspettative, con molteplici iniziative che possono essere utili ad accompagnare questo percorso. Zimballatti ha evidenziato come non ci si soffermi più sui problemi del territorio, ma tutti uniti per organizzare programmi. E la senatrice Silvia Vono che ha descritto l’aria della Locride come un’aria da riqualificare, con un’immagine diversa da trasmettere, perché quando si parla della Calabria non si richiamano la bellezza di questa terra e le capacità della gente che vi abita, gli argomenti sono sempre altri. La Calabria merita di essere promossa e questo progetto turistico dell’area della Locride può essere l’idea giusta per avere una visione completa del nostro territorio. Questo si può fare se si inizia a ragionare in modo diverso, iniziando dalla politica locale. Ora che si ha la possibilità di investire bisogna agire, utilizzando i suggerimenti di menti attive e geniali. Il presidente Francesco Macrì, prima di dare la parola all’assessore Gallo, ha voluto sottolineare l’impegno di tutto il GAL Terre Locridee nel portare avanti tutte le attività volte allo sviluppo del territorio, cercando di raggiungere in tutti i modi questo risultato. In chiusura ha invitato tutti i partecipanti a sottoscrivere il protocollo d’intesa.

 

Locri, 7 giugno 2021