Il centralismo burocratico di Antonio Gramsci

51

Pillole e quisquilie del 6 giugno 2021, brevi spunti di illustri autori per riflettere su ieri, su oggi e su domani.

Pillole

In ogni caso, occorre rilevare che le manifestazioni morbose di centralismo burocratico sono avvenute per deficienza di iniziativa e di responsabilità nel basso, cioè per primitività politica delle forze periferiche, anche quando esse sono omogenee con il gruppo territoriale egemone (fenomeno del piemontesismo nei primi decenni dell’unità italiana). Il formarsi di tali situazioni può essere estremamente dannoso e pericoloso negli organismi internazionali (Società delle Nazioni).

 Antonio Gramsci 

 Senza l’aumento degli stranieri, noi non possiamo far crescere la nostra pesca, la nostra navigazione e la nostra manifattura … I nuovi venuti sono obbligati a rischiare il poco denaro che hanno portato. E se qualche nuovo venuto, grazie alla sua industriosità, inventa qualche nuovo metodo o commercio, anche gli Olandesi non potranno che trarne vantaggio.

Jan De Witt,  citato da A. Peyrefitte – Le mal francais

 Trovare una forma di associazione che difenda e protegga ogni membro ad essa appartenere e nella quale l’individuo, pur unendosi a tutti gli altri, ubbidisca soltanto a se stesso e resti libero come prima>>. A qual punto egli consideri la libertà come la pietra fondamentale e come il cardine del suo sistema politico, lo dimostra anche il suo attacco al principio parlamentare dell’Inghilterra (…). Il popolo inglese crede di esser libero, ma si sbaglia assai: è libero soltanto durante le elezioni dei membri del parlamento; eletti i membri, vive in schiavitù, è un nulla.

Jean Jacques Rousseau

 effemme

Quisquilie

 

Servizi: Draghi a Renzi: Stai sereno !

 

Aperture totali: il Covid: Wow  !

 

Brusca: Cosa Nostra era una fabbrica di omicidi; e lui era il Capo Reparto.

 

Vincenzo Amidei