Il tempo dei ricordi

92

Ripercorriamo insieme gli avvenimenti e i personaggi più importanti che hanno segnato la data del 5 gennaio.

Accadde che:

1886 (136 anni fa): viene pubblicato “Lo strano caso del DR. Jekyll e di Mr. Hyde”. Si tratta di un racconto gotico dello scrittore Robert Louis Stevenson. Un avvocato londinese, Gabriel John Utterson, investiga i singolari episodi tra il suo vecchio amico, il dottor Jekyll, e il malvagio signor Hyde. L’impatto della storia è stato universale, facendo entrare l’espressione “Dottor Jekyll e mister Hyde” nel linguaggio comune, ad indicare una persona che sembra avere due distinte personalità, una buona e l’altra malvagia o la natura normalmente buona, ma talvolta totalmente imprevedibile di un individuo; in senso psicologico, è diventata la metafora dell’ambivalenza del comportamento umano e anche del dilemma di una mente scissa tra l’Io e le sue pulsioni irrazionali.La trama è incentrata sul tema dello sdoppiamento della personalità: un rispettabile dottore londinese, il dottor Jekyll, dopo aver sperimentato su se stesso una potente droga di sua invenzione, si trasforma nel terrificante Hyde, che incarna il lato malvagio del suo essere. Hyde si macchia così di orrendi delitti, che Jekyll può interrompere solo suicidandosi. Chiude il romanzo la lunga confessione per iscritto del dottore, letta dall’avvocato e amico Utterson.

1925 (97 anni fa): Nellie Tayloe Ross diventa la prima donna governatrice di uno Stato degli USA. La morte, del governatore William Ross, avvenne a ridosso delle elezioni generali di novembre. Per questo Frank Lucas, governatore provvisorio, indisse un’elezione speciale per il governatore, così da coprire i due anni mancanti alla fine del mandato. In questa occasione il leader del partito Democratico del Wyoming, J.R. Hylton, propose Nellie Davis Tayloe Ross come candidata, la vedova del defunto governatore. Nellie Ross esitò ad accettare, il fratello George le sconsigliò di candidarsi temendo che una possibile sconfitta l’avrebbe danneggiata sia a livello emotivo, a causa della vicinanza alla morte di suo marito, sia a livello di immagine. La donna, però, aveva bisogno di soldi per pagare i debiti e occuparsi dei figli, inoltre, desiderava portare a compimento il programma del marito. Infine, accettò la nomina, ma rifiutò di promuovere la propria candidatura, pubblicando solamente due lettere aperte in cui dichiarava i suoi intenti politici. Nellie Ross riuscì a vincere le elezioni contro il repubblicano Eugene J. Sullivan con 8 000 voti, superando di molto la vittoria del marito. Una volta eletta dovette lottare molto per affermare il suo ruolo, dato che quello di governatore era ancora visto come un lavoro da uomini. Mise, da subito, in chiaro di non voler seguire strettamente il pensiero generale del partito e di voler invece continuare la linea politica lasciata in sospeso dal marito. Portò avanti undici proposte di legge, ma soltanto cinque di queste passarono, perché i democratici continuavano a essere in minoranza nel gabinetto rispetto ai repubblicani. La sua politica comprendeva un taglio delle tasse, assistenza governativa per gli agricoltori e una legge che proteggesse bambini, donne lavoratrici e minatori. Nel 1926 si candidò nuovamente alle elezioni, ma questa volta perse nella corsa contro il repubblicano Frank C. Emerson.

Nato oggi:

1932  (90 anni fa): nasce ad Alessandria (Piemonte) Umberto Eco semiologo, filosofo, scrittore, traduttore, accademico, bibliofilo e medievista italiano. Saggista e intellettuale di fama mondiale, nella sua vita ha raccontato se stesso e le sue passioni attraverso una fervida attività culturale e capolavori come il romanzo-bestseller “Il nome della rosa”. È sicuramente un personaggio che professionalmente sfugge a qualsiasi casella e le occupa tutte contemporaneamente. Impossibile, forse, raccontarlo davvero: la sua vita si fa piccola e scompare dietro le pagine che ha letto. Un  aneddoto  celebre, riguarda la sua passione per “I promessi sposi”. Tutti lo hanno odiato e continuano a odiarlo, ma Umberto Eco no, non ha fatto parte della schiera di odiatori adolescenti di Manzoni, grazie a suo padre che, quasi subodorando il destino del figlio, gli regala una copia del libro appena qualche mese prima che Eco debba studiarlo. È inevitabile, si accende in lui quella passione per i classici che diventerà un punto fermo nella sua opera di divulgazione culturale. Nonostante il suo ingegno multiforme, però, Eco è noto al grande pubblico come autore del “Nome della rosa” un caso editoriale clamoroso, le cui vendite hanno superato i cinquanta milioni di copie. Il successo del romanzo è sicuramente da imputarsi alla sua sapiente struttura, che riesce a sovrapporre più piani interpretativi: dal thriller, alla teoria sul riso, al simbolismo religioso e letterario, che permette a diverse categorie di lettori di potervisi immergere in modo soddisfacente. Umberto Eco muore a Milano il 19 febbraio del 2016. Negli ultimi anni della sua vita, benché malato, ha continuato nel limite delle possibilità a portare avanti i suoi interessi, impegni, passioni per il mondo culturale.