Lettera al sindaco di Locri del movimento “Siderno ha già dato”

464
Foto: il reggino

Riceviamo una lettera del movimento “Siderno ha già dato” indirizzato a tutta la cittadinanza Locrese. Oggetto: raddoppio impianto di San Leo

Al Sindaco di Locri, Giovanni Calabrese, Al Presidente del Consiglio Comunale Locri; Domenico di Maio; Ai Consiglieri Comunali Locri; p.:.Ai Cittadini  Locresi

Il Comitato “Siderno ha già dato”, costituito da diverse associazioni territoriali, da anni conduce una lotta per bloccare l’ennesimo scempio che la Regione e la Città Metropolitana stanno perpetrando sulla nostra e vostra pelle.

E’ ormai evidente da anni, anche a voi, che l’impianto TMB di San Leo, collocato sulla fiumara Novito, continua a inondare anche i cittadini di Locri, e non solo le case sulla sponda locrese di effluvi e sostanze tossiche insopportabili.

Questo rende impossibile una normale vita, in particolare ai contadini e alle aziende agricole, che hanno la loro attività sui terreni adiacenti.

Il 24 settembre 2020 l’incendio all’impianto TMB ha dimostrato i rischi associati ala presenza di un mostro collocato in quella zona.

La chiusura delle scuole, disposto sia dal Sindaco di Locri, che dai Commissari Prefettizi di Siderno ne fanno atto.

Quotidianamente sulla vostre case e sui vostri terreni si depositano sostanze pericolose che voi, come noi di Siderno, inalate e che comportano rischi per la salute.

Stanno decidendo l’ampliamento della struttura, con lavorazioni aggiuntive rispetto a quelli attualmente presenti, che comporterà un aumento più che doppio delle sostanze tossiche e nocive che verranno emesse in atmosfera, comportando ancora maggiori rischi alla vostra e nostra salute.

Ci sembra strano che i cittadini locresi non siano stati coinvolti in una discussione su queste problematiche, né in assemblee, né in un consiglio comunale.

Noi siamo convinti che la conurbazione Locri – Siderno di cui si parla in questo periodo non avrà futuro se questo ecomostro verrà realizzato.

Pensate, come noi, al futuro della zona e dei nostri figli!

Non vorremmo trovare tra qualche anno una situazione ancora più drammatica di quella che stiamo vivendo in questi ultimi anni, per cui vorremmo, nelle modalità che ritenete più adatte, un incontro con voi per discutere insieme.

 

Siderno, 14 maggio 2022

Comitato “Siderno ha già dato”