fbpx
mercoledì, Febbraio 28, 2024
spot_img

U Rumenu

Franco Blefari, scrive una favola di Natale dei giorni nostri al contrario.

‘Nc’è ‘nu rumenu cu ‘na caja all’anca,

chi dormi comu fussi ‘nta ‘nu jazzu;

staci ‘nta ‘nu catoju aundi manca

acqua, bagnu, correnti e materazzu.

Non cerca nenti e nenti vol’’i sapi,

non dici non cu esti e cu’ non esti;

cu’ dici ch’era ‘nu guardianu ‘i crapi

e cu’ ‘nu mangiafocu ‘nta li festi.

Però ndavi mbigliati avant’’a porta,

chi nugliu si capacita chi ennu,

fogghj’’i giornali e cosi d’ogni sorta,

chi unu non sapi s’è malat’ ‘i sennu.

‘A genti passa… e faci ca n’’o vidi,

non pensa non si mangia o si ddijuna,

ca unu a stamanera non si cridi

ca staci senza stufa e non carbuna.

‘A genti è orba, è senza cuscienza,

si tutt’’u jornu lu vidi gliavanti;

passa…e mancu si duna cumpidenza,

cu tanti casi chi sunnu vacanti.

Si ‘a dominica jamu sempi ‘a misssa

e ndi cumunicamu glià ll’artaru,

quand’è chi mori “gliu povaru fissa”,

‘u prim’’i mia, non si dicimu “amaru”?

- Spazio disponibile -
- Spazio disponibile -
- Spazio disponibile -
ARTICOLI CORRELATI
- Spazio disponibile -

Le PIU' LETTE

- Spazio disponibile -